•  Presentazione del libro La storia di Montefino

    Presentazione del libro La storia di Montefino

    Lunedì, 16 Marzo 2020 21:54
  • Pepp lu dittor

    Pepp lu dittor

    Lunedì, 16 Marzo 2020 18:29
  • Crocetta S. Maria

    Crocetta S. Maria

    Lunedì, 23 Settembre 2019 13:18
  • Montefino Paese che invecchia

    Montefino Paese che invecchia

    Lunedì, 02 Settembre 2019 15:27
  • Abbandoni silenti!

    Abbandoni silenti!

    Lunedì, 26 Agosto 2019 10:54

Login

Link come eravamo

  

 

 

Testi e foto sono di proprieta' 

info 3294972687

Ultimi commenti

  • Pepp lu dittor

    Rossano Buffalmano 27.03.2020 17:39
    La passione per internet nel lontano 2001 e per il luoghi la gente mi ha dato la forza di andare ...
     
  • Presentazione del libro La storia di Montefino

    Rossano Buffalmao 22.03.2020 16:44
    Ho voluto ricordare qui dal sito montefino.org un momento molto bello ed importante per tutta la ...
     
  • Pepp lu dittor

    rossano 16.03.2020 18:34
    Buongiorno, mi chiamo ......., sono nato a Citta' Sant'Angelo (zona piomba) e cresciuto a Pescara ...

Ricordo di Claudio

 

Caro Rossano,

visitando “montefino.org” avevo immaginato di trovare, con il dovuto risalto, la notizia della scomparsa di Claudio Pompei, figura non certo di secondo piano nel panorama Montefinese, fosse soltanto perché era il nostro Peter

Pan.

Invece niente.

 

Certo, non era il sindaco, non era il vicesindaco, né un consigliere comunale; non era il parroco, non era il farmacista, né il medico condotto; non era il gestore di uno dei bar, né quello di uno dei negozi di alimentari.

 

Insomma, non era nessuna di quelle “personalità pubbliche”, che in un piccolo comune come il nostro hanno il diritto ad una audience, talvolta non meritata.

 

Eppure ieri, in occasione del funerale di Claudio, il salone del polivalente traboccava di gente. Il Padre Eterno (che tutto conosce) aveva reso impraticabile la chiesa di San Giacomo, perché sapeva che non sarebbe stata sufficiente a contenere la folla di persone accorsa a salutare per l’ultima volta il suo eterno bambino.

Però, forse per modestia, forse per un innato senso del pudore, nessuno ha pensato di ricordare Claudio sul sito che tu Rossano, fra mille difficoltà e incomprensioni, hai deciso di dedicare al tuo (e consentimi di dire anche mio) Paesello.

Allora, proprio la folla strabocchevole che ha riempito il pur capiente salone del polivalente, ci offre la migliore occasione per dimostrare quanto Claudio Pompei abbia rappresentato, in primis per Crocetta Santa Maria, ma anche per tutta Montefino: l’immagine di una purezza, di una semplicità e di una sensibilità d’animo, che sarebbe auspicabile invadesse un po’ più di tutti quelli di noi che non hanno nulla meglio da fare che scagliarsi l’uno contro l’altro, in un crescendo di astio e di acrimonia, del tutto incomprensibili alla luce della lezione di vita che Claudio ci ha impartito.

 

Ed il pensiero più triste va a quei poveri di spirito che nel primo pomeriggio di lunedì scorso in chiesa (pardon nel polivalente) hanno deciso di non esserci.

Ma speriamo che non abbiano potuto.

Un caro abbraccio al Claudione nostro!!!

  

Alfredo Granelli

  

Montefino, 7 febbraio 2017

 

 

 

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Ti trovi:

Questo sito fa uso di Cookies per migliorare la navigabilità. Continuando nella navigazione accetti l'utilizzo di tali Cookies. L'operazione è comunque reversibile: per saperne di più puoi approfondire l'argomento cliccando maggiori informazioni.

Accetto i cookies di questo sito.

EU Cookie Directive Module Information